N

Nasca. Grosso naso. Detto anche nappa e piffera. Una persona col naso grosso si dice anche nappone. Nasca si chiamava anche un omino rimasto nel mito.

Nazzica’. Toccare qualcosa senza cognizione di causa, lavorare su qualcosa che non si conosce: «O che nazzichi?» si dirà ad un amico che, dopo tre ore di lavoro per rimontare una sveglia, è riuscito a farsi avanzare tre o quattro pezzi. Vedi ciaccià

Nco’. Abbreviazione di ancora. Da notare che si usa spesso mettendolo in fondo alla frase, come il too inglese. «The fox ate two chickens and the cock too» ovvero: «La volpe m’ha magnato du’ galline e ‘l gallo nco’».

Ndemente o, quando serve, indemente. Demente, scemo.

Ndrìo. Indietro

Né ahi, né guai. «Se n’è andato senza di' né ahi né guai». Questa frase indica l'abbandono subitaneo di qualcosa o qualcuno, senza spiegazioni e senza preavviso alcuno.

Nnicosa o gnicosa. Ogni cosa. «O stacci attento, passi llà co’ le scarpe e co’ gnicosa!»

Nischìno, nisco, lischìno o lisco. Piccola quantità: «Lo voi 'l vino?» «Giusto 'n nischino!». «Ci n’è rimasto nisco nisco, me lo magno o me lo fenisco?».

Nìzzola. Uccello di piccola taglia, tipo fringuello, e comunque diverso dal merlo e dal tordo, per esempio la potazzina e il crespulino (v.).

Nonno peloso. Bruco di farfalla coperto di peli (modello processionaria); se lo si calpesta il giorno dopo piove.

Novelle. Favole, storie immaginarie. Racconta’ le novelle vuol dire raccontre frottole e, estremizzando in senso negativo, perdere tempo.

Nozze. «Quando a nozze e quando a grilli (disse la volpe a' cari figli)» vuole esprimere la rassegnazione per la mancata riuscita di una operazione, ricordando che ci sono volte che vanno bene, ma molte di più che vanno male. Quando invece va sempre male, si può ricorrere alla più triste variante:«Un giorno a nozze e cento a grilli». «Vole’ fa le nozze co' funghi» significa, invece, voler fare una cosa senza ciò che occorre, tipo aggiustare la macchina col batticarne e lo schiaccianoci. Nozze rimaste famose popolarmente sono quelle di Nena Di Sudiciume Piena e di Rocco Sudicio Come Un Porco, che si concludono con «Andate a letto, spengete 'l lume, e dormite col vostro sudiciume!»